Estate 2018

RISORGIMARCHE

RisorgiMarche è molto più di un festival. È un modo per regalare entusiasmoemozione e senso di comunità a tutte le persone colpite dal terremoto.

Musica Relax e Natura

Dal 1 luglio al 2 agosto 2018, 14 suggestivi luoghi delle Marche faranno da palcoscenico a grandi interpreti della musica italiana che animeranno il paesaggio delle Marche per RisorgiMarche, un festival completamente gratuito e a basso impatto ambientale.

Dopo il successo dello scorso anno che ha registrato oltre 80mila presenze, torna RisorgiMarche, un festival volto a riportare il turismo attraverso concerti gratuiti nei parchi montani più suggestivi delle Marche e che si svolgerà nelle province di MacerataFermo ed Ascoli Piceno.

Un evento imperdibile

È un modo per godere di questa terra, camminando, prendendosi il proprio tempo e gettando lo sguardo verso le tante bellezze che delineano una regione veramente plurale.
È un modo per assaporare i prodotti creati con assoluta maestria da allevatori e agricoltori. È un modo naturale di fare musica, con artisti e pubblico insieme su un prato, alla luce del giorno.
RisorgiMarche è soprattutto il desiderio di aggregare pensieri, parole ed anime.

Piero Pelù

Domenica 1 luglio – Forca di Presta – Arquata del Tronto (AP)

“Energia, energia, nuove idee e voglia di stare sempre con la mia Dea Musica. Stavolta coi Bandidos ma senza scordare mai i Litfiba. Ci vediamo in giro, ragazzacci!”. Così Piero Pelù sintetizza quella che sarà la sua estate, un’intera stagione in tour sui palchi italiani con i Bandidos (Giacomo Castellano alla chitarra, Luca Martelli alla batteria e ai cori e Ciccio Licausi al basso) in cui suonerà sia brani dei Litfiba sia brani della sua carriera solista, aggiungendo alcune nuovissime e trascinanti cover. “Warm Up” come “riscaldamento” per una vita, la sua, dedicata alla Musica..

Forca di Presta

Il valico appenninico di Forca di Presta sorge a 1.550 m s.l.m. ai piedi del Monte Vettore e divide il confine marchigiano da quello umbro. La zona è di eccezionale valore ambientale, nonché strategico punto di partenza per escursioni sulla catena dei Monti Sibillini.

Angelo Branduardi

Martedì 3 luglio – Piani di Crispiero, Monte d’Aria – Castelraimondo/Camerino (MC)

40 anni di musica e non sentirli. Dopo un 2017 di straordinari sold out sia in Italia che all’estero, e un 2018 altrettanto ricco di soddisfazioni, Angelo Branduardi ha accettato con piacere l’invito di Neri Marcorè a dare il suo contributo a sostegno delle Marche, una regione che lo ha sempre accolto con grande calore. Accompagnato da Fabio Valdemarin alle tastiere, Antonello D’Urso alle chitarre, Stefano Olivato al basso e Davide Ragazzoni alla batteria, Angelo Branduardi porterà sul palco quel mondo musicale e creativo che, attingendo dalle leggende popolari e ai suoni del passato, lo ha reso unico sulla scena musicale italiana e internazionale. In scaletta i brani più amati del suo repertorio, da “Si può fare” a “Cogli la prima mela”, da “La pulce d’acqua” all’immortale “Alla Fiera dell’Est”. Tutti grandi successi che hanno arricchito gli ultimi 40 anni di musica italiana.

Piani di Crispiero – Monte d’Aria

I piani di Crispiero prendono il nome dalla vicina omonima frazione del Comune di Castelraimondo e si trovano ad una quota di circa 750 mt. L’area ha un isolato e vario territorio naturale, fatto di paesaggi montani ma anche di colline che si estendono fino al vicino Comune di Serrapetrona.

Simone Cristicchi

Venerdì 6 luglio – La Roccaccia, San Lorenzo – San Severino Marche/Treia (MC)

Cantautore, attore teatrale e scrittore romano, Simone Cristicchi esordisce nel 2005 con il tormentone Vorrei cantare come Biagio e due anni dopo vince il Festival di Sanremo con la canzone Ti regalerò una rosa. Con il suo primo disco, Fabbricante di canzoni, si aggiudica la Targa Tenco per il Miglior Album d’Esordio. Da allora, oltre all’attività musicale, è impegnato anche come autore e interprete di spettacoli di teatro civile.
Il 6 luglio porterà il suo contributo a RisorgiMarche con un concerto in cui riproporrà il suo repertorio in chiave da camera, accompagnato dal GnuQuartet, con cui già ha condiviso diversi palcoscenici e la tournée teatrale dello spettacolo Grand Hotel Cristicchi.

La Roccaccia – San lorenzo

Luogo di fortificazioni, natura e leggende, l’area della rocca di Monte Acuto, comunemente conosciuta come la Roccaccia, per via di un nobile che tiranneggiava sulla popolazione locale, è situata su una formazione rocciosa fra due valli, a 740 metri di quota. Un regno selvaggio per il suo isolamento, per questo tanto amato dagli eremiti, ma particolarmente bello e ricco di panorami che oggi rappresenta il baluardo di confine tra i Comuni di San Severino Marche, Treia e Cingoli e quindi non più così lontana, di facile accesso dalla frazione San Lorenzo e pertanto molto frequentato dai locali turisti e amanti degli sport all’aria aperta, quale il downhill. Diverse sono le strade, le piste ed i sentieri che consentono di raggiungerla da più lati.

Mario Biondi

Sabato 7 luglio – Pizzo Meta – Sarnano/Bolognola (MC)

Una voce calda, profonda e allo stesso tempo limpida e sicura: Mario Biondi, da sempre impegnato in diverse attività per il sociale, accoglie l’invito di Neri Marcorè per dare il suo contributo a sostegno della regione Marche. Artista internazionale, che ha da poco annunciato il suo tour con più di 40 date in tutto il mondo, porterà sul palco di RisorgiMarche i suoi più grandi successi e i brani estratti dal nuovo album Brasil.

Pizzo Meta

Il Monte Pizzo di Meta, con la sua quota di 1.576 mt, è la vetta più alta tra le cime costituenti quest’area settentrionale della catena dei Monti Sibillini. Ricade nel territorio del Comune di Sarnano, in un’area delimitata fra fosso Lardina e la valle del Rio Terro, affluenti del Tennacola. Ha un caratteristico aspetto che lo rende facilmente riconoscibile, con un versante orientale aspro roccioso, e un fronte occidentale lieve che degrada verso i Piani di Ragnolo.
Il panorama è davvero suggestivo, uno spettacolo alla portata di tutti e facilmente accessibile da strade e sentieri, in ambienti di particolare bellezza paesaggistica. Un autentico balcone che si affaccia sulle dolci colline marchigiane proiettate verso l’Adriatico.

Alex Britti

Lunedì 9 luglio – Monte Torrone – Ussita/Visso/Castelsantangelo sul Nera (MC)

Chitarrista, autore, annovera collaborazioni con artisti tra cui ricordiamo Ray Charles, Luciano Pavarotti, Joe Cocker, Patti Smith, Toquinho, Mina, Buddy Miles, Billy Preston. Artista sensibile verso il sociale, decide di inserire il concerto nel calendario del tour estivo per contribuire a far rinascere una splendida regione come le Marche e stare vicino ad una popolazione profondamente ferita dagli eventi sismici. Il tour proseguirà poi negli anfiteatri e spazi aperti prestigiosi delle principali città italiane.

Monte Torrone

Con il Monte Torrone entriamo nel territorio del Comune di Ussita. Curiosa l’origine del nome e dell’omonimo torrente che scorre nella sua valle, che riconduce, fra le tante ipotesi, ad un termine albanese dal significato di “acqua impetuosa”, ma anche al latino “exitus”, come ad indicare un’uscita, un valico, mentre altri studi riconducono alla tribù sannita degli Ussiti. In ogni caso siamo nel cuore dei Monti Sibillini, al centro del Parco Nazionale, in un Comune dalle numerose frazioni sparse in una vallata alle pendici dell’imponente Monte Bove, base di partenza privilegiata per escursioni sia alla sua vetta nord (2.112 mt) che sud (2.169 mt), oltre al Monte Bicco (2.052 mt), pareti entrate anche nella storia dell’alpinismo. Questa splendida posizione ha fatto sì che, ogni estate, il Comune riuscisse a registrare numerose e importanti presenze turistiche, grazie alle numerose attrattive naturali ma anche culturali ed artistiche, e all’offerta per lo sport invernale con gli impianti sciistici di Frontignano, i più grandi delle Marche.
Una piccola comunità, fiera della sua lunga e importante storia, legata a quella di Visso e di Castelsantangelo sul Nera.

Noa

Sabato 14 luglio – Prati di Monte Vermenone – Fiuminata/Sefro (MC)

Noa – vero nome Achinoam Nini, che significa “portatrice di pace” – è una delle voci più importanti del panorama internazionale.
È stato il chitarrista Gil Dor a notare le sue straordinarie doti vocali e a presentarla al suo maestro Pat Metheny, che decise di produrre il suo primo album internazionale. Era il 1994 e da quell’anno ad oggi, la carriera di Noa è stata sempre in ascesa, portandola ad esibirsi nei palchi di tutto il mondo e per ben tre volte al cospetto del Papa. Numerosi i premi e i riconoscimenti anche per il suo profuso impegno sociale. Dal 2003 Noa è Ambasciatrice della FAO nel Mondo, dal 2007 è Cavaliere della Repubblica Italiana e da marzo 2018 è anche Commendatore della Repubblica Italiana. Il concerto che terrà con Gil Dor a RisorgiMarche è un ulteriore messaggio di pace e solidarietà che lancia a sostegno delle comunità colpite dal sisma.

Prati di Monte Vermenone

Il Monte Vermenone è un rilievo dell’Appennino non lontano dal confine tra Marche e Umbria. La sua vetta, a sua quota di 1.363 mt, offre un’ampia vista delle vicine dorsali dei vicini Monte Gemmo, Monte Primo, della spianata di Montelago e Monte Pennino, ma anche dello splendido profilo dei Sibillini. Nell’area denominata “Forcatura” a quota 721 mt passa il confine amministrativo dei due Comuni di Sefro e Fiuminata. In questo luogo volgere lo sguardo verso il basso permette di abbracciare da un lato la vallata del Comune di Fiuminata, quasi fino a Pioraco, e nel lato opposto quella di Sefro. E’ un’area di particolare pregio, ricca di prati e fioriture in primavera, di margherite, orchidee spontanee e narcisi, dove non è difficile scorgere falchi, astori, nibbi che veleggiano immobili contro il vento teso

Clementino

Domenica 15 luglio – Piano della Minutella/Monte Corneto/Monte Scalette – Serravalle di Chienti (MC)

Clemente Maccaro, da Cimitile vicino Nola, Napoli, per Wikipedia è una delle personalità nate nel paesino napoletano, per la generazione 2.1 è semplicemente l’alieno del rap italiano. Chiamatelo I.E.N.A. o chiamatelo “Rapstar”, come l’ha incoronato uno che se ne intende (Fabri Fibra), ma non confondetelo con il mucchio selvaggio dell’hip hop nazionale, che frequenta con orgoglio, successo e divertimento, ma di cui non condivide il machismo esasperato, il vizio di prendersi troppo sul serio, la finzione da balordo di strada: viene da posti dove il ghetto fa paura davvero ed ha scelto il suo mestiere anche per dimostrare, non solo a se stesso, che un microfono acceso e ben usato può essere una maniera per fuggire dalle terre di Gomorra. La sua profezia è un pensiero positivo: si può fare, se ci credi, se ci lavori sodo, se lotti con i denti per quello in cui
credi. Molto attivo per il sociale, anche in questa occasione ha accolto subito l’invito per dare il suo contributo a sostegno delle Marche, che ha imparato ad amare grazie ai tanti concerti fatti in questa regione.

Monte Faeto

Quella di Monte Faeto è un’area panoramica nel Comune di Serravalle di Chienti. Il suo territorio è in gran parte montuoso, ricoperto di boschi e di pascoli,disseminato di bellezze e da fonti naturali che fin dall’antichità venivano usate per l’abbeveramento del bestiame da pascolo. Nella zona rinomati sono i vicini Piani di Colfiorito, una bellissima serie di altopiani a circa 800 mt di quota in parte coltivati, che durante la stagione primaverile si trasformano in una distesa infinita di colori. Questa è stata per eccellenza “la terra di passaggio e di confine”, culla di civiltà e prosperità, ma anche teatro di cruenti battaglie. La posizione di Serravalle, lungo la strada che oggi congiunge le Marche all’Umbria, ha facilitato nella sua storia il passaggio di uomini di ogni genere, di truppe, di mercati, di illustri personaggi.

Luca Carboni

Martedì 17 luglio – Poggio della Pagnotta/Chiesa Santa Maria Maddalena – Valfornace/Caldarola (MC)

Luca Carboni è uno dei grandi protagonisti della scena musicale italiana sin dalla fine degli anni ’80. Dopo aver fondato la band Teobaldi Rock inizia il suo percorso solista grazie al suo talento come autore: i suoi testi vengono letti da Lucio Dalla e dagli Stadio, che in quei giorni erano in sala d’incisione e presero per il loro nuovo album Navigando controvento. Il carisma di Luca conquista subito la simpatia e la stima della gente, che in lui individua un interprete sincero dei pensieri e delle inquietudini della sua generazione. Il primo album Intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film è del 1984 ed è stato il primo grande successo. Da allora ad oggi siamo arrivati, proprio in questa estate del 2018, al dodicesimo album di inediti SPUTNIK che esce dopo anni di canzoni, tour e concerti che hanno segnato la storia della musica italiana. Il 17 luglio sarà sul palco di RisorgiMarche con un live speciale in versione acustica pensato proprio per questa occasione.

Poggio della Pagnotta / Chiesa Santa Maria Maddalena

Santa Maria Maddalena è una delle chiese simbolo per le montagne di questi luoghi e punto d’incontro di quattro Comuni (Caldarola, Cessapalombo, Pievebovigliana e Fiordimonte, con quest’ultimi due Comuni oggi diventati Valfornace in seguito alla loro fusione).
La Chiesa di Santa Maria Maddalena si trova isolata, a quota 1.120 mt, all’interno del Parco dei Monti Sibillini alle magnifiche pendici del Monte Fiegni e in prossimità del Poggio della Pagnotta, con la sua tipica struttura a pietra, in stile romanico risalente alla seconda metà del 1300.

Luca Carboni

Lunedì 23 luglio – Piani di Cagnano – Acquasanta Terme (AP)

Irene Grandi è protagonista della scena musicale femminile italiana da lunghi anni, con un repertorio vastissimo, composto di grandi hits che negli anni l’artista toscana ha vestito di mille colori: pop, rock, blues, jazz. Dopo aver partecipato lo scorso anno al concerto Amatrice nel cuore, Irene porterà la sua musica a RisorgiMarche per confermare ancora una volta la sua solidarietà verso queste popolazioni. Con il suo nuovo progetto, Irene si presenta al suo pubblico in una versione più calda, intensa, rileggendo i suoi classici più amati insieme ai musicisti con i quali ha più spesso collaborato negli ultimi anni: Saverio Lanza alle chitarre e pianoforte, Piero Spitilli al basso e Fabrizio Morganti alla batteria.

Piani di Cagnano

Il piccolo borgo di Cagnano, situato in uno sperone di roccia sopra l’abitato di Acquasanta Terme, trova probabilmente origine prima dell’anno mille e la sua posizione fa pensare si trattasse di una postazione militare a controllo della sottostante via di comunicazione. Il significato del suo nome indica “paese posto sulla frattura”. Nonostante la sua storia sia segnata da tremende calamità, scorribande banditesche, episodi di peste portata dai Lanzichenecchi, con lunghi periodi di carestia, incendi e distruzione, oggi Cagnano con le sue costruzioni in pietra, i suoi portali, la sua ricca natura, i panorami dai variegati colori, conserva ancora l’antico fascino del paese dove il tempo sembra essersi fermato.

Andrea Mirò

Venerdì 27 luglio – Monte La Torre – Quinzano Force (AP)

Andrea Mirò è un’artista eclettica come pochissimi altri in Italia; polistrumentista, autrice, produttrice, cantante e direttore d’orchestra; otto dischi all’attivo, pubblicati tra il 1991 e il 2016.
Negli anni, collaborazioni con Eugenio Finardi, Mango, Roberto Vecchioni, Ron e Enrico Ruggeri. Grazie al suo incredibile talento, più volte si è cimentata in un compito che al 90% è riservato esclusivamente al popolo maschile: ha diretto l’orchestra del Festival di Sanremo per Enrico Ruggeri, Nina Zilli, Andrea Nardinocchi, Zibba, Perturbazione. Una lunga carriera attraverso l’arte, declinata non solo nell’ambito musicale pop/rock – come quando ha partecipato al concerto/evento benefico Amiche per l’Abruzzo a San Siro – ma esercitata spesso e volentieri anche in Teatro: La Belle Equipe – viaggio nella canzone d’autore francese; Maddalena in Jesus Christ Superstar; L’ultimo giorno di sole, scritto poco prima di morire dall’amico Giorgio Faletti; lo spettacolo teatrale Degni di nota. Per il cinema ha cantato sulle musiche originali del film Le Acrobate di Silvio Soldini e ha presentato il suo ultimo album, Nessuna Paura di Vivere, sia in Italia che all’estero.

Monte La Torre

Force è un piccolo e caratteristico borgo medievale, arroccato sulla linea naturale di uno stretto e lungo rilievo a 690 metri di altezza, ed il suo nome potrebbe derivare proprio dalla sua posizione geografica, una forca fra le tre vallate dell’Aso, del Tesino e del Tronto. Data la sua felice posizione, quasi equidistante tra mare e monti, gode di paesaggi naturali suggestivi, tra montagne, boschi, vallate e con la vista che spazia fino al Mare Adriatico. Da una panoramica terrazza belvedere nel centro si può godere una visuale ottimale quasi intera della catena dei Monti Azzurri.

Di seguito trovate i nomi dei musicisti coinvolti e date e luoghi dei concerti:

  • Domenica 1 Luglio 2018 PIERO PELÙ a Forca di Presta  Arquata del Tronto (AP)
  • Martedì 3 Luglio 2018 ANGELO BRANDUARDI a Piani di Crispiero – Monte d’Aria
    Castelraimondo / Camerino / Serrapetrona (MC)
  • Venerdì 6 Luglio 2018 SIMONE CRISTICCHI E GNU QUARTET a La Roccaccia / San Lorenzo
    San Severino Marche / Treia (MC)
  • Sabato 7 Luglio 2018 MARIO BIONDI a Pizzo Meta Sarnano / Bolognola (MC)
  • Lunedì 9 Luglio 2018 ALEX BRITTI a Monte Torrone Ussita/Visso/
    Castelsantangelo sul Nera (MC)
  • Sabato 14 Luglio 2018 NOA a Prati di Monte Vermenone Fiuminata / Sefro (MC)
  • Domenica 15 Luglio 2018 CLEMENTINO a Piano della Minutella – Monte Corneto – Monte Scalette Serravalle di Chienti (MC)
  • Martedì 17 Luglio 2018 LUCA CARBONI a Poggio della Pagnotta – Chiesa Santa Maria Maddalena Valfornace/Caldarola (MC)
  • Lunedì 23 Luglio 2018 IRENE GRANDI a Piani di Cagnano Acquasanta Terme (AP)
  • Venerdì 27 Luglio 2018 ANDREA MIRÒ a Monte La Torre – Quinzano Force (AP)
  • Sabato 28 Luglio 2018 PAOLO BELLI & BIG BAND a Campi di Vetice Montefortino (FM)
  • Martedì 31 Luglio 2018 FESTA A SORPRESA a Casalicchio Amandola (FM)
  • Mercoledì 1 Agosto 2018 TOQUINHO a Pian della Cuna di Fematre Visso / Pievetorina / Montecavallo (MC)
  • Giovedì 2 Agosto 2018 NERI MARCORÈ E GNU QUARTET a San Giacomo – Monte Piselli e Montagna dei Fiori Ascoli Piceno (AP)

Vuoi prenotare questo pacchetto?

Contattaci per indicare le tue esigenze o per saperne di più su questa offerta.

Altri articoli